✰ la festa dei nonni

Nell’era del digitale, dove tutto viaggia “on line” e tutto deve essere rapido, immediato spesso ci si dimentica dei ritmi veri ed autentici, come quelli dei bambini. Come quelli dei nostri nonni. Io sin da piccola ho sempre amato leggere, passione tramandata dalla mia nonna, una persona unica e speciale, che amo tantissimo. 
Ricordo i pomeriggi passati insieme in campagna, dove ci si metteva all’ombra a leggere le favole. 
Per mia figlia non desidero altro, se non attimi lenti e veri. 
Ricordi fatti per durare. 

Per questo Stella, mia figlia, e mia mamma passano molto tempo insieme per costruire ricordi. 
E se le protagoniste del libro, fossero proprio loro? Se si parlasse proprio di loro?È stato divertentissimo creare “Nonna Enza, sarò sempre la tua piccola Stella” il libro che fantastica sulle loro avventure insieme. 
Per Nonna Enza, la mia mamma, è stato super emozionante vederle nero su bianco, e leggere l’unica certezza del mondo. 
Che lei per Stella ci sarà sempre. 

La cosa che mi piace molto è che i libri sono composti da brevi storie che possono essere lette anche singolarmente. Ideali come lettura della buonanotte ma anche per pomeriggi di coccole in famiglia.Altra cosa che Vogli consigliarvi sui libri illustrati personalizzati di Urrà Eroi è che secondo me, vale la pena fare un piccolo investimento in più per le confezioni regalo. Sono spettacolari! Si trasformano in giochi e attività da fare insieme e rendono il regalo ancora più prezioso.

Per avere uno dei libri illustrati personalizzati che parli proprio del vostro bambino e dei suoi nonni, dovete solo collegarvi al sito www.urràeroi.it, sfogliare il catalogo per scegliere il libro che preferite e seguire la procedura per selezionare tutti i dettagli: 
nome, caratteristiche fisiche, alcuni aspetti della storia, dedica.

Il risultato è un libro unico, solo vostro, che parla della vostra famiglia e che sarà un ricordo prezioso da custodire per sempre.

✰ le bad-moms non esistono

Sono passate molte settimane dal mio ultimo articolo, e volgiamo al termine di questa pazza estate. La situazione nazionale ed internazionale ha sicuramente penalizzato quelli che, come noi, trovano felicità nel sentire il carrello di un boeing ritirarsi, ed iniziano a vedere più piccola la terra sotto i piedi.

Per alcune persone, chi ha voluto ugualmente viaggiare è stato nella migliore dei termini egoista. Nell’ultimo periodo si è parlato molto dei viaggiatori che hanno in qualche modo “portato tu-sai-cosa” in Italia, ma parliamoci chiaro. Non è così.
Noi abbiamo avuto la meravigliosa opportunità di passare una settimana in Islanda, e l’abbiamo colta al volo. Per me e Stella era il primo viaggio post-tusaicosa, e forse per quello, per l’attesa, per l’emozione è stato ancora più bello.

Nei prossimi giorni vi raconterò nel dettaglio cosa abbiamo visto e come organizzate al meglio il vs. Viaggio in una terra lontana ed affascinante, e si l’Islanda è decisamente un paese child-friendly.
Ma oggi voglio svelarvi un segreto:
non sono una bad – mom per aver portato mia figlia all’estero, anche perché (e di questo ne sono certa) non esistono mamme cattive.

Ogni donna, e ogni mamma sa esattamente cosa è meglio per il proprio figlio e per la propria famiglia. Nessuno è esente da errori, siamo tutte esseri umani, ma non c’è niente di più bello. Così con un bagaglio extra leggero ed un pò all’avventura, senza troppe ore di sonno e senza nemmeno aver nemmeno messo lo smalto (un avvenimento per me) siamo partite.

✰La mia vita da viaggiatrice dopo le due lineette rosa

REINVENTARSI. 

É la parola che dovete sempre tenere a mente, mentre leggete quello che vi sto per raccontare, ma anche e soprattutto quando avrete finito.
Fin da bambina sono stata una sognatrice. Ho provato spesso nella vita a mettere i piedi per terra, ma dentro di me ho sempre saputo che avrei dovuto assecondare la mia natura. Negli anni mi sono state offerte diverse possibilità, da un sicuro lavoro in banca, ad uno studio notarile, ma ho sempre sentito il richiamo del mondo e la curiosità di scoprirlo tutto.

Ancora troppo giovane ho aperto la mia agenzia di viaggi, che tra alti e bassi (tsunami, innondazioni, eruzioni di vulcani, attentati) ha compiuto nel 2019 ben 10 anni di attività. Ma sentivo il richiamo della scoperta e per me era, oltre che un lavoro meraviglioso, il mezzo attraverso cui vedere tutti i paesi del mondo. Devo dire che in questi anni sono riuscita ad realizzare quasi tutti i sogni nel cassetto. Sempre portando avanti con passione il mio lavoro in ufficio e cercando di tramettere la mia passione agli altri. Con il passare del tempo ho instaurato un bellissimo rapporto con i miei clienti e mi si sono presentate tante opportunità di viaggio, tutte colte al volo, fino a che ho dovuto fare i conti con le due linee sul test di gravidanza. Di li a poco la mia vita sarebbe cambiata completamente, non tanto nella routine quotidiana o negli affetti, quanto nel mio lavoro.

METTERMI IN PAUSA

Non ho mai accettato di mettermi in pausa, ho lavorato fino alle 20.00 il giorno prima di indurre il travaglio, 3 giorni oltre termine. Poi è nata lei. Bella come il sole, che richiedeva tutte le mie attenzioni e così ho pensato mi sarei potuta concedere un pò di tregua. Tregua dal lavoro e tregua dai viaggi. Mi sono però resa conto che nessuno chiamava, facevano tutto le mie colleghe, con l’intento di sgravarmi il più possibile, ma a me mancava il mio lavoro. 

Così nelle giornate a casa è nato questo progetto: “Stella in Valigia”, che non vuole essere solo un blog di viaggi, ma di confronto. Continuare ad avere sogni è giusto e legittimo anche se si è diventate madri.
NON DOBBIAMO MAI ACCETTARE DI SENTIRCI INADEGUATE PERCHE’ ABBIAMO SCELTO DI DIVENTARE MADRI.

Vi ricordate la parola che vi ho detto all’inizio? Bene, ricordatevene ogni volta che qualcuno vi dice di no, ogni volta che pensate di non essere in grado o di non avere tempo. Diventare mamma non è una condanna, ma un valore aggiunto. Non dovete cambiare per niente e per nessuno, ma dovete concedervi e concedere agli altri una nuova chiave di lettura di voi stesse. Le soddisfazioni non smetteranno di arrivare e avranno un gusto tutto nuovo. In quanto a me, la mia pausa è durata solo qualche mese, tempo di organizzarmi. Ho portato Stella in Oman a 5 mesi a visitare i villaggi per un Tour Operator.. Ed è stato per il mio cuore il viaggio più bello della mia vita, perché alcune volte il detto: “non è dove vai, ma con chi sei” è una grande verità. b