✰ Bambini e neve: cosa non deve mancare?

Siete amanti della montagna?
Avete voglia di una settimana bianca?

I colori delle regioni stanno sempre più volgendo al giallo, e le partenze si avvicinano.

Per riuscire a vivere la neve in piena tranquillità ecco le cinque regole d’oro per essere certi che i bimbi non soffrano il freddo, e che possano giocare e godersi la neve (con anche la vostra tranquillità).

Da quando ho memoria ho sempre amato il freddo. E la neve. 
Mio papà mi racconta sempre di quando ad appena cinque anni ho voluto ad ogni costo imparare a sciare, e soprattutto di come non mi ammalassi mai in inverno. 
Lui diceva che era tutto merito suo, e di quanto fossi ben coperta. 

Certo non è sempre facile vestire i bambini.
Stella ad esempio odia le maniche. 
Di qualsiasi tipo. 
Body, maglioni, giacche.
Non appena ti avvicini a lei, inizia una interminabile litania di: nonononononono. 

La base è quindi:
Assicurarsi di aver vestito adeguatamente i bambini. 

  1. Vestiteli a strati.
    L’American Academy of Pediatrics: consiglia di “Vestire i bambini con uno strato in più di quello che normalmente indosserebbe un adulto nelle stesse condizioni climatiche”.
    Lo stile “a cipolla” è fondamentale sulla neve.
    Ogni strato – e devono essere almeno 3 – ha una funzione diversa.
    Il primo strato deve assorbire l’umidità del corpo, il secondo deve isola mentre il lato più esterno deve fornire calore ed essere impermeabile. 
  2. Scegliete capi in lana o sintetici.
    Il cotone infatti assorbe e trattiene più umidità. 
  3. Obbligatori capi waterproof, e fate attenzione alla differenza con capi water-resistant, meno efficaci nel tenere fuori l’acqua. Prima di acquistare un capo controllate l’etichetta del rating di impermeabilità, che soprattutto nei capi da montagna è sempre presente. Esistono anche degli spray capaci di aumentare l’impermeabilità dei capi, si trovano nei negozi di articoli sportivi ma anche su Amazon. 
  4. In montagna e sulla neve, capi dai colori vivaci. Perché?
    cosi che passanti, sciatori, o chiunque transiti sulla neve non possa non notarli. Il consiglio in più è quello di dotarli di particolari catarifrangenti soprattutto i più grandi. 
  5. Cuffia e guanti. Sulla cuffia non transigo, ma sui guanti Stella è ancora nella fase di rifiuto.

    Un’ultimo piccolo appunto: la pelle. 
    Fondamentale una protezione solare, di buona qualità e che protegga dal sole, dal vento e dal freddo. 

Spero vi sia stato utile questo articolo, con la speranza di vederci presto sulla neve. 

Lisa