✰coronavirus e viaggi in aereo

I dubbi, sono molto chiara, sono più che legittimi.
Ovviamente i velivoli sono ambienti chiusi in cui si entra in stretto, anzi strettissimo contatto con sconosciuti. In una situazione di emergenza, o comunque passata emergenza, è facilmente immaginabile uno scenario in cui uno starnuto crei il panico generale.

La Iata però ha chiarito che in realtà l’aria è molto pulita e davvero sicura.
Iata è l’associazione internazionale che raccoglie 300 compagnie aeree in tutto il mondo. Lo confermano anche due studi del 2017, dove si sostiene che la qualità dell’aria in cabina è simile o persino meglio di quella registrata normalmente negli ambienti interni come gli uffici, le scuole, le abitazioni.
Sugli aerei si respira aria “quasi sterile”, e gli aerei di ultima generazione hanno filtri così moderni che sono identici a quelli degli ospedali e possono catturare e bloccare il 99% dei microbi. Airbus e Boeing hanno fatto presente come ti loro velivoli cambino tutta l’aria presente in cabina ogni 2/3 minuti, cosa che non avviene in centri commerciali, scuole o cinema ad esempio. 


Se vi chiedete come attueranno le compagnie le nuove tutele, ecco una breve lista.

É stato introdotto un set aggiuntivo di misure che contribuiranno a garantire la salute e la sicurezza di tutti i passeggeri e dei membri dell’equipaggio. Le nuove misure comprendono la disinfezione approfondita degli aeromobili che avverrà ogni 24h, a garanzia della impossibilità di trasmissione del virus, l’obbligo di indossare la mascherina sia per i passeggeri sia per il personale di cabina e di terra e, almeno nella prima fase, la sospensione del servizio di ristorazione a bordo dei voli, tutti a corto raggio. I guanti al momento non sono obbligatori, ma consigliati.

Per quanto riguarda l’aeroporto?
Per proteggere gli altri passeggeri e il personale di terra in aeroporto, sarà necessario utilizzare il sistema automatico di deposito bagagli per il check-in dei loro bagagli da stiva e, negli aeroporti in cui il sistema automatico di deposito bagagli non è disponibile, saranno posizionati appositi schermi protettivi presso le postazioni di check-in. A tutti i passeggeri verrà chiesto di presentare e scannerizzare autonomamente i propri documenti di identita’, in modo che il personale di terra e di cabina non debbano maneggiarli durante l’imbarco.

Spero di aver fatto un pochino più chiarezza sulla relativa sicurezza dei viaggi in aereo. Se avete dubbi, domande o perplessità non esitate a contattarci. 

Lisa

✰ turismo di prossimità

Del turismo di prossimità ne sentiremo a lungo parlare nelle prossime settimane.

L’estate del 2020 sarà per tutti molto diversa da ciò cui eravamo abituati.
L’impatto del Covid sulla popolazione, non solo italiana ma del mondo intero, segnerà un cambio delle nostre abitudini, ma non tutte in peggio.

Se da una parte ci sarà chi purtroppo si vedrà costretto a rinunciare (e spero di cuore solo per qualche mese) ai viaggi, per chi ne avrà le possibilità le agevolazioni non attendono che essere scoperte.
L’Europa propone una riapertura delle frontiere anche per viaggi “non essenziali” al 15 giugno. Ci sono Stati come Grecia e Croazia che hanno già fatto sapere di essere pronti ad una riapertura.
Spostando lo sguardo più lontano ad esempio in Egitto, sono già all’opera per una riapertura in sicurezza, così come gli Emirati Arabi.

I grandi brand turistici, inoltre puntano tutto ad agevolare i clienti viaggiatori con penali azzerate e possibilità di cambio destinazione.
Da una parte quindi i viaggi non sembrano per forza possibili solo sul territorio nazionale, ma se i timori degli spostamenti si fanno sentire ci viene in soccorso il “turismo di prossimità”.
Con i trascorsi degli ultimi mesi appunto, è iniziato a circolare il termine Turismo di Prossimità che secondo gli esperti sarà il trend che ci accompagnerà per i caldi mesi estivi.

Ma cosa si intende per turismo di prossimità?
Per turismo di prossimità si intende lo spostamento del viaggiatore verso mete vicine a casa raggiungibili per lo più con un viaggio in macchina, località possibilmente non troppo affollate come ad esempio i borghi più belli d’Italia tra mare, montagne e colline, con la riscoperta del turismo lento.
In molti ritorneranno alle vacanze di qualche decennio fa in cui si prendeva in affitto un appartamento e tutta la filiera turistica si sta organizzando per fornire tutte le garanzie possibili. Sarà bene affidarsi a chi può fornire la certezza di santificazione degli ambienti. 

Parlando di mete di mare, in molte regioni è stata dato il via libera all’adattamento e alla sanificazione degli stabilimenti balneari in modo da essere pronti per la stagione estiva.
Non solo mare e borghi ma anche tanta montagna, molto più del solito. Molti appassionati di mare preferiranno rilassarsi tra i boschi piuttosto che adattarsi a quel un modo diverso di vivere la spiaggia e tutto ciò che le ruota intorno.

Al momento si tratta comunque di ipotesi, ma il turismo di prossimità sarà sicuramente il trend della prossima estate.

Io mi auguro comunque un’estate italiana, con la possibilità di spostarsi senza problemi da nord a sud e per le isole. Noi abbiamo già prenotato per la Sardegna a settembre e stiamo meditando di trascorrere anche un po’ di tempo in Trentino. Ma se sarà confermata una riapertura tra stati, non escludo di ritornare a viaggiare per il mondo!

✰ slow tourism


Sono passati ormai diversi giorni dall’inizio della cosiddetta “Fase 2”, e sembra ci si stia avvicinando al termine dell’emergenza Covid, o quanto meno al suo contenimento.
Ora è arrivato il momento di guardare avanti, e iniziare ad immaginare il futuro che aspetta a noi viaggiatori. Sono sempre più convinta che, almeno a breve termine la soluzione sia un “Turismo lento”, oppure nella sua più altisonante versione anglosassone di “slow tourism”.
In poche parole sarà quello a cui aspireremo un po’ tutti per sentirci più tranquilli e per dare valore all’ambiente che ci circonda, comprese le comunità locali.


Ma cos’è lo slow tourism? Come si pratica il turismo lento? Quali sono i suoi benefici?

Lo slow tourism si basa sull’attenzione ai particolari, al rapporto con i compagni di viaggio e mira ad una completa immersione nella realtà locale e con sé stessi. Lo slow tourism preferisce i borghi alle metropoli, la natura all’architettura e il relax alla frenesia.
Preferisce l’itinerario alla meta. Per essere un “turista lento”sarà necessario dare un grande valore all’ambiente circostante, prediligendo strutture ecosostenibili, esperienze umane. Una sorta di turismo responsabile messo in atto non solo nei Paesi in via di sviluppo o del Terzo Mondo ma in qualunque luogo in grado di essere assaporato con lentezza.

La parola d’ordine è rallentare il ritmo, quel ritmo frenetico a cui siamo purtroppo abituati a vivere nella quotidianità, ma che a causa di un isolamento forzato abbiamo imparato. Dobbiamo allontanarci dalla accezione negativa che viene affibbiata all’ozio e che in questo contesto assume un valore da riscoprire.
Quali sono però i tipi di viaggio che possono essere considerati come turismo lento? Ad esempio i cammini come quello lungo la Via Francigena, il trekking, il turismo fluviale, e il birdwtaching. Le strutture più adatte in cui soggiornare sono gli alberghi diffusi ottenuti recuperando vecchie case di antichi borghi e risistemandole per accogliere i forestieri come se fossero degli abitanti del luogo, ma con trattamento alberghiero, i campeggi (io adoro i glamping), le malghe, i bed and breakfast e gli agriturismi. Il tutto condito da cibo e vino locali perché un viaggio che si rispetti non può non includere il palato.

Il turismo lento regala esperienze autentiche, e di luoghi unici poco battuti dal turismo di massa in Italia ce ne sono tantissimi, da nord a sud.

Lo slow tourism fa bene al cuore, al corpo, all’anima e all’economia delle piccole realtà, perché porta benessere nei territori senza danneggiare l’ambiente ma contribuendo alla loro prosperità. Ecco perché dovremmo farne tesoro nei mesi che verranno.

Perché affidarsi ad un professionista per il turismo lento?
Noi di Manyways possiamo costruire un itinerario su misura per te, in base alle tue esigenze, ai tuoi tempi ed ai tuoi compagni di viaggio, anche a quattro zampe. 

✰ 5 Piccole azioni quotidiane per essere felici

In questo periodo di reclusione forzata, ho avuto modo di osservare la mia vita e ho notato che seguire dei piccoli gesti quotidiani mi sta aiutando a rimanere positiva, o almeno a provarci.

Questa situazione per noi, vagabondi per natura, risulta particolarmente difficile. Non credo di aver mai passato così tanto tempo chiusa tra le mura della mia casa. Un posto che fino a qualche mese fa conoscevo solo per poche ore al giorno, è diventato contemporaneamente la mia mensa, il mio ufficio, la mia palestra, il mio mondo. Invece di crucciarmi ogni giorno per ciò che non posso fare, per chi non posso vedere, per dove non posso andare, ho scelto di concentrarmi sull’unica cosa che conta davvero: il mio benessere.

Ecco quindi la mia lista di cose che faccio giornalmente e che mi fanno sentire bene nonostante tutto.

1. Dedicare 30 minuti al giorno al mio corpo
Premetto che non sono una grande sportiva e non aspiro ad esserlo nel breve tempo. Posso però garantirvi che dedicare almeno mezz’ora all’esercizio fisico mi sta aiutando a rimanere concentrata sugli obbiettivi e mi fa sentire attiva non solo nel corpo ma anche e soprattutto nella mente. Prima di questa emergenza, trovavo sempre scuse per non dedicarmi un pò all’attività fisica. “Non ho abbastanza tempo”, “mi aspettano in ufficio”, “oggi ho i capelli puliti, recupero domani”, queste sono solo alcune delle scusanti che ero solita ripetermi per evitare di sudare un pò. Con l’avvento della quarantena, queste scuse non sono più valide, di tempo libero ne ho in abbondanza e uno shampoo in più non mi spaventa di certo.

2. Apprezzare ciò che ho
Quando mi sveglio la mattina, prima di alzarmi dal letto, mi prendo qualche secondo per apprezzare la mia vita. So che può sembrare un’azione un pò sciocca ma vi assicuro che farà la differenza nella vostra giornata. Personalmente, nella frenesia della quotidianità, non mi soffermavo mai a pensare a quanto fossi fortunata. Ero sempre proiettata verso un nuovo obbiettivo e verso ciò che non avevo. Passando tanto tempo sola in casa, ho iniziato a valutare quanto in realtà la mia vita fosse di per se ricca. Non parlo di beni materiali ma di ciò che non si può comprare: l’amore e l’affetto di chi ci è accanto. Quando mi sveglio, dedico quindi un attimo per riflettere sulla mia immateriale fortuna che poi alla fine è ciò che davvero conta.

3. Fare quella chiamata o mandare quel messaggio
Una cosa che faccio ormai quasi senza pensare è dedicare qualche momento in più agli altri. Lo so, sembra un paradosso. Come puoi dedicare più tempo agli altri mentre sei reclusa in casa da sola? La realtà è che prima della quarantena gli impegni giornalieri mi assorbivano talmente tanto da lasciare poco tempo da dedicare anche solo ad un messaggio o una chiamata veloce. Lavorando poi a stretto contatto con il pubblico, la sera quando rientravo a casa, avevo solo voglia di starmene in silenzio lontano dal telefono. Ora che passo gran parte del mio tempo (tutto il tempo) da sola, ho capito quanto sia gratificante ricevere o fare una chiamata senza una necessità reale ma solo ed unicamente per sentire una persona. Se pensi una cosa carica di un amico, di un conoscente o apprezzi i contenuti di qualcuno che segui su Instagram, diglielo!! Non aspettare il momento giusto, ogni giorno è il momento giusto.

4. Stabilire la mia routine
Spesso dimentichiamo quanto sia importante il riposo per il nostro corpo e la nostra mente e quanto sia fondamentale mantenere la giusta routine. Inizialmente, questo periodo di isolamento aveva sballato e non di poco le mie abitudini. Io, la persona più abitudinaria del pianeta, mi ritrovavo a non riuscire ad addormentarmi la sera (prima della quarantena per me le dieci erano un miraggio) e non riuscire a svegliarmi la mattina all’orario che mi prefissavo. I primi giorni mi sono lasciata influenzare da questo atteggiamento e non ci ho dato molto peso, alla fine ero a casa che importanza potesse avere svegliarmi alle 11? Con il passare dei giorni però mi sono resa conto che stavo scivolando in una routine dannosa per il mio benessere e per il raggiungimento dei miei obiettivi, Piano piano sono riuscita a tornare al mio solito tran tran andando a dormire ad un orario decente la sera in modo da svegliarmi piena di energia presto al mattino. Il mio consiglio è stabilire una routine che vada bene per il vostro stile di vita e mantenerla in qualunque situazione vi troviate (quarantena inclusa)!

5. Coltivare i miei interessi
Lo so, la tentazione di stabilirsi in pianta stabile sul divano con Netflix in ripetizione è forte ma non dimentichiamoci di ciò che amiamo fare. Che sia leggere un buon libro o disegnare, staccarsi qualche ora dalla tv vi farà tornare con i piedi per terra alla vostra realtà. Prima della quarantena, la classica scusa era di non avere tempo per gli interessi extra, in questa situazione invece, la scusa del tempo sembra essersi rovesciata, ne abbiamo troppo, non sappiamo come investirlo e nel limbo della decisione finiamo per non fare nulla. Personalmente, una cosa che amo fare è progettare i miei prossimi viaggi una volta che si potrà tornare a vedere il mondo. Spendo quindi qualche ora durante la mia giornata per studiare una determinata destinazione, le cose che ci sono da vedere, i migliori posti dove mangiare. Sicuramente sono luoghi che non visiterò nell’immediato ma mi aiutano a ricordare che fuori da queste mura il mondo è lì che mi aspetta.

Sono consapevole che per molti questi punti sembrano banali ma vi garantisco che per me aver fatto una lista di piccole azioni quotidiane mi sta aiutando ad essere più serena. Non vi nascondo che non tutti i giorni sono uguali, alcune volte fallisco e non riesco a completare tutti e cinque gli obiettivi, ma non demordo e continuo a provarci.

Martina.

✰ giornata mondiale della terra

Mai come quest’anno la GIORNATA DELLA TERRA, deve spingerci a riflettere sul nostro impatto ambientale.
Io mi sono fermata, ed ho pensato semplicemente: “che cosa riserverà a Stella il futuro?”.

Facciamo un passo indietro. 

Il 29 gennaio 1969 una piattaforma petrolifera localizzata a sei miglia dalla costa di Santa Barbara, circa 200 chilometri a nord di Los Angeles, esplose. A causare lo scoppio furono le fortissime pressioni sotterranee causate dall’opera di trivellamento del fondale marino.
Un milione di litri di petrolio, fanghi ed acque di risulta vennero riversati nel mare per undici giorni ininterrottamente: l’area interessata fu di circa 2500 chilometri quadrati.
Circa 50 chilometri di spiaggia si tinsero di verdastro e il mare si mise a lutto stretto, colorandosi di nero.

L’impatto ambientale fu terrificante: si ritrovarono carcasse di delfini, balene, e pesci morti, avvelenati e soffocati dalle scorie petrolifere. Forte fu anche la moria di uccelli che si cibano di organismi marini. Molti animali continuarono a morire anche a causa dei detersivi usati per pulire il mare.

I cittadini di Santa Barbara si mobilitarono in un modo straordinario e promisero che un tale scempio non si sarebbe più realizzato lungo le loro spiagge.
Si organizzarono in un movimento chiamato “Get oil out”, raccolsero più di centomila firme per vietare le trivellazioni offshore, fecero una pressione fortissima sui politici e montarono una enorme campagna di protesta, boicottando la Union Oil, responsabile del disastro. L’eco di questa tragedia fu sentita in tutta l’America e le proteste giunsero fino a Washington, la capitale. Nel giro di un solo anno furono approvate leggi severissime per difendere il mare e l’aria.

Il 22 Aprile 1970, 20 milioni di americani si unirono grazie anche al senatore statunitense Gaylord Nelson in un appello vigoroso quanto angosciato per la salvezza del nostro pianeta.

Da allora ogni 22 Aprile si celebra l’Earth Day, una giornata per riflettere da condividere con ogni cittadino del mondo interessato allo stato di salute del pianeta su cui vive. Oggi ricorrono i 50 anni dell’Earth Day, e mai giorno sarà più significativo.

La Giornata Mondiale della Terra è l’unico esempio di evento celebrato in tutto il mondo contemporaneamente, da persone di tutte le origini, fedi e nazionalità al fine di far crescere e diversificare il movimento ambientalista in tutto il mondo, e di renderlo il più efficace veicolo di promozione, per una sana e sostenibile permanenza di ogni essere umano sul pianeta.

Non servono manifestazioni o grandi gesti, basta una semplice domanda: cosa posso fare io?
Pensiamo a come potremo migliorare il nostro impatto ambientale, ognuno di noi. Un giorno alla volta. L’umanità ha avuto la capacità di intaccare il pianeta, ma ha anche la capacità di ripristinarlo.

Oggi non perdetevi su Disney+ il documentario Jane, per celebrare la vita in questo meraviglioso pianeta.

E che ci sia da monito per il futuro, facendoci sempre ricordare ciò che conta davvero. 

✰Disneyland Paris, un posto incantato per tutti (anche per me)

Facendomi ispirare dall’articolo di Lisa, ho deciso di raccontare la mia esperienza presso il parco divertimenti più famoso d’Europa. Solitamente mi occupo di scrivere di viaggi in solitaria ma per questo articolo farò un’eccezione. Le mie avventure a Disneyland infatti non le ho vissute da sola ma con due persone particolarmente speciali: mia sorella e mia mamma. Non considero Disneyland un posto adatto per un viaggiatore solitario.

La magia del luogo vale la pena di essere condivisa così come le risate e le foto buffe che farete durante la vacanza.

Sarò sincera, quando mia sorella mi ha proposto una vacanza a Disneyland ero molto scettica. Nella mia testa lo consideravo un luogo adatto alle famiglie con bambini e non una meta per ragazze giovani e in cerca di divertimento. Al contrario di Lisa, da bambina non ho mai sognato di andare a Disneyland, e mentre lei stressava i nostri genitori per andarci a tutti i costi io la guardavo un pò accigliata non capendo questa grande insistenza. Dopo esserci stata, alla veneranda età di 16 anni, posso solo dire che non vedo l’ora di tornarci di nuovo e che, se tornassi indietro nel tempo, consiglierei alla me bambina di sognare una gita a Disneyland perché è davvero il posto dove la magia diventa realtà. E chi non ha voglia di vivere un pò di magia anche solo per qualche ora?

Disneyland Paris è infatti uno di quei posti che vale la pena di visitare almeno una volta nella vita. Se state pensando ad un weekend per tutta la famiglia o ad una vacanza di pochi giorni in compagnia degli amici, allora questo è il posto che fa per voi. Non commettete il mio errore di pensare a Disneyland come ad un parco divertimenti ad uso esclusivo per bambini, infatti ci sono talmente tante attrazioni, giochi, ristoranti e negozi che vi faranno dimenticare l’idea di Disneyland = famiglia.

Mi preme sottolineare che si parli quasi sempre di parco divertimenti al singolare ma Disneyland Paris è in realtà composto da due parchi: Disneyland Park con attrazioni più soft ispirate ai cartoni con cui siamo cresciuti e Walt Disney Studios con giochi decisamente più adrenalinici.

Il ricordo più vivido della mia esperienza? Sicuramente il gioco Tower hotel che trovate nell’area Walt Disney Studios. Si tratta della riproduzione di un hotel, un tempo meta delle persone più ricche e famose di Hollywood fino a che un misterioso incidente non ne ha provocato la chiusura nel 1939. Dopo essere entrati nell’hotel, vi faranno accomodare nell’unico ascensore funzionante che vi farà catapultare nel vuoto dopo avervi fatto ammirare per qualche secondo la vista dall’alto del parco. Sono solo pochi attimi ma vi giuro che la sensazione che ho provato me la ricordo ancora bene. Probabilmente, quando tornerò a Disneyland, sarà l’unica attrazione dalla quale mi terrò ben distante.

Ci tengo a sottolineare come Disneyland sia davvero una macchina perfetta in cui attrazioni ben fatte, animazioni create a regola d’arte e momenti di intrattenimento vi toglieranno il fiato e valgono sicuramente tutta la stanchezza che accumulerete nel viaggio.

Non perdetevi gli articoli che verranno pubblicati sulle attrazioni più belle e sui ristoranti consigliati.

Saranno un’iniziale ma molto utile guida per aiutarvi ad immergervi nel mondo fantastico di Disneyland Paris.

Martina.

✰ Disneyland, dove la magia diventa reale.

Sono convinta che la vita sarebbe davvero molto più bella se si potesse tornare a guardare il mondo con gli occhi di un bambino. Disneyland Paris è il posto numero uno per farlo. Disneyland è il posto dove i sogni diventano realtà, dove i problemi e le preoccupazioni sembrano lontanissimi e dove tutti sorridono.

A Disneyland essere felici è una cosa davvero molto semplice. Anzi, semplicissima.

Ci sono stata diverse volte, ed ognuna di esse ho perso la cognizione del tempo. Mi sono messa le orecchie da Minnie e mi sono ritrovata a saltellare da una parte all’altra del parco. Nessun altro posto al mondo mi ha mai fatta sentire così leggera. 

Disneyland Paris per me ha sempre avuto un significato speciale. Sin da bambina sognavo di andarci. E ho ritrovato quella bambina la prima volta che ci sono entrata. Sono cresciuta come quasi tutti i miei coetanei a “pane e Disney”, uno dei ricordi più belli è di mio papà che una sera, rientrando dal lavoro, mi portò la videocassetta di “Fantasia”. Sono passati almeno 25 anni e mi ricordo ancora quella sensazione e quel momento. Disney ha rappresentato una parte importante della mia infanzia e della mia crescita e ad ogni suo capolavoro corrispondono dei momenti speciali della mia vita. Ovvio quindi dire che i giorni trascorsi a Disneyland mi hanno vista felice come una bambina.
Io non so come sia possibile, ma l’atmosfera Disney riesce magicamente a scacciare lo stress e la negatività catapultando i visitatori in una dimensione parallela fatta di felicità e spensieratezza.
E non importa che età abbia ciascun visitatore: a Disneyland Paris il divertimento non conosce limiti anagrafici. Anzi.

Ci sono stata anche con mia mamma circa 4 anni fa, e ne ho un ricordo vividissimo. Anche lei, occhi sgranati e senza parole. Uno degli episodi più divertenti riguarda l’attrazione ispirata al cartoon “Alla ricerca di Nemo”. Faccio una premessa. Mia mamma, pur essendo super sprint, ha alcune fobie. Prima tra tutte le vertigini. Non sono riuscita a convincerla a fare alcuna attrazione adrenalinica, fino a che alla parte di me più malvagia è venuta in mente questa attrazione. Completamente al coperto, all’esterno pareva un percorso nelle profondità degli abissi dove ammirare pesci e tartarughe… e invece no. Si tratta di montagne russe che danno l’idea di essere spinti da forti correnti marine. La sua espressione all’uscita era semplicemente IMPAGABILE.

Sono stata un paio di volte con Martina, mia sorella (qui si occupa della parte Travel Alone) e anche lei è stata “vittima” della mia passione per i giochi adrenalinici. Nel suo caso le è toccato il Tower hotel, ma vi faccio raccontare l’esperienza dal suo punto di vista.

Immagino che dopo queste esperienze nessuno voglia più prendere parte a spedizioni Disneyiane in mia compagnia. In realtà amo ogni parte del parco, ed ogni sua attrazione.

Siamo in tantissimi a pensare che un adulto può amare il parco anche più di un bambino.
D’altronde sfido a trovare un altro posto che innesca una tale evasione della realtà.

Il mio desiderio 2020? Portarci Stella appena sarà possibile!

Non perdetevi il prossimo articolo, vi racconterò come è fatto il parco e quello che più ho amato personalmente. 


✰La mia vita da viaggiatrice dopo le due lineette rosa

REINVENTARSI. 

É la parola che dovete sempre tenere a mente, mentre leggete quello che vi sto per raccontare, ma anche e soprattutto quando avrete finito.
Fin da bambina sono stata una sognatrice. Ho provato spesso nella vita a mettere i piedi per terra, ma dentro di me ho sempre saputo che avrei dovuto assecondare la mia natura. Negli anni mi sono state offerte diverse possibilità, da un sicuro lavoro in banca, ad uno studio notarile, ma ho sempre sentito il richiamo del mondo e la curiosità di scoprirlo tutto.

Ancora troppo giovane ho aperto la mia agenzia di viaggi, che tra alti e bassi (tsunami, innondazioni, eruzioni di vulcani, attentati) ha compiuto nel 2019 ben 10 anni di attività. Ma sentivo il richiamo della scoperta e per me era, oltre che un lavoro meraviglioso, il mezzo attraverso cui vedere tutti i paesi del mondo. Devo dire che in questi anni sono riuscita ad realizzare quasi tutti i sogni nel cassetto. Sempre portando avanti con passione il mio lavoro in ufficio e cercando di tramettere la mia passione agli altri. Con il passare del tempo ho instaurato un bellissimo rapporto con i miei clienti e mi si sono presentate tante opportunità di viaggio, tutte colte al volo, fino a che ho dovuto fare i conti con le due linee sul test di gravidanza. Di li a poco la mia vita sarebbe cambiata completamente, non tanto nella routine quotidiana o negli affetti, quanto nel mio lavoro.

METTERMI IN PAUSA

Non ho mai accettato di mettermi in pausa, ho lavorato fino alle 20.00 il giorno prima di indurre il travaglio, 3 giorni oltre termine. Poi è nata lei. Bella come il sole, che richiedeva tutte le mie attenzioni e così ho pensato mi sarei potuta concedere un pò di tregua. Tregua dal lavoro e tregua dai viaggi. Mi sono però resa conto che nessuno chiamava, facevano tutto le mie colleghe, con l’intento di sgravarmi il più possibile, ma a me mancava il mio lavoro. 

Così nelle giornate a casa è nato questo progetto: “Stella in Valigia”, che non vuole essere solo un blog di viaggi, ma di confronto. Continuare ad avere sogni è giusto e legittimo anche se si è diventate madri.
NON DOBBIAMO MAI ACCETTARE DI SENTIRCI INADEGUATE PERCHE’ ABBIAMO SCELTO DI DIVENTARE MADRI.

Vi ricordate la parola che vi ho detto all’inizio? Bene, ricordatevene ogni volta che qualcuno vi dice di no, ogni volta che pensate di non essere in grado o di non avere tempo. Diventare mamma non è una condanna, ma un valore aggiunto. Non dovete cambiare per niente e per nessuno, ma dovete concedervi e concedere agli altri una nuova chiave di lettura di voi stesse. Le soddisfazioni non smetteranno di arrivare e avranno un gusto tutto nuovo. In quanto a me, la mia pausa è durata solo qualche mese, tempo di organizzarmi. Ho portato Stella in Oman a 5 mesi a visitare i villaggi per un Tour Operator.. Ed è stato per il mio cuore il viaggio più bello della mia vita, perché alcune volte il detto: “non è dove vai, ma con chi sei” è una grande verità. b

✰#andràtuttobene

Sembra passata un’eternità da tutti i buoni propositi e da tutti i progetti che come ogni anno, il primo gennaio metto nero su bianco. 


Viaggi e avventure ben organizzate, come se il tempo mi scappasse via se non fosse già predestinato a voli, coincidenze, tour e viaggi in mete esotiche e lontane. Non vedevo l’ora di mostrare a Stella il mondo. 


Ho sempre voluto che Stella si sentisse cittadina del mondo,

senza limiti e senza confini. In un attimo invece ci ritroviamo a percepire il peso di una territorialità che ci va troppo stretta. Quasi ci soffoca.

Il Coronavirus (COVID-19) ha in poco tempo Spazzato via tutti i nostri progetti e riempito la nostra vita di paure, tenendola in sospeso.Viaggiare ci da l’occasione di aprire la mente, di renderci aperti, tolleranti, curiosi e rispettosi dell’altro. Viaggiare cancella quei confini tra noi e gli altri. Ho sempre sognato che Stella, fin da piccola crescesse così. 


Questi giorni di incertezze invece, ci hanno messo gli uni contro gli altri, innalzando barriere e confini che anche se fatti di aria, sembrano insormontabili. 
Nonostante tutto però, non voglio farmi scoraggiare. Il mondo tornerà ad essere un luogo famigliare, un luogo di famiglia dove far crescere Stella. E tutti quei progetti sono solo rinviati.

#andratuttobene.

Lisa.

andrà tutto bene

✰ 3 luoghi in cui affrontare l’Apocalisse

Quale che sia la vostra idea di Apocalisse, in questi luoghi potreste viverla appieno.

Se qualcuno si sta chiedendo perché proprio ora, nel marzo del 2020 iniziare un blog di viaggi, bè la risposta è molto semplice. Il tempo.

Scrivere un primo post è davvero complicato. Vorresti che fosse perfetto, unico ed accattivante, e non ho mai avuto il tempo di dedicarmici e che rispecchiassi gli standard che mi ero prefissata. Poi è arrivata la quarantena.

Ed è stato per me come il giorno 1.
L’inizio, o meglio, la possibilità di inizio.

Tornando alla nostra Apocalisse non importi che tipi voi siate. Se combattivi o eremitici, perché questi luoghi forniscono sia il riposo dello spirito che posizioni strategiche.

Casa sull’albero in Toscana
La casa sull’albero rappresenta per i veri Apocalittici un luogo ideale.
Dove i più romantici vedono un week end lontano dai rumori della città, gli Apocalittici vedono una possibilità di fuga. La casa sull’albero è una oasi di pace e serenità, con una bellissima veduta sulle colline permettendo così di rilassarsi, ma di non perdere mai di vista il territorio (così da far stare al sicuro gli Apocalittici). Il Glamping il Sole offre un orto bio ed una struttura praticamente autosufficiente, e per i più glamour offre anche la cupola geodetica.

Nanoyado Iya Onsen in Giappone
Questo è sicuramente il secondo luogo a cui penserei e che mai è più rimasto nel cuore. Una struttura in tipico stile locale, sperso tra le montagne, con gli onsen raggiungibili sono con una piccola funicolare. La struttura è immersa nella foresta, protetta dalla natura.

Kuramathi alle Maldive
Un’isola di pochi km quadrati, completamente autosufficiente e circondata dal mare nell’atollo di Rashdoo. Penso sia superfluo spiegare il pregio di godere di una meravigliosa spiaggia bianca mentre l’Apocalisse divampa.

In questo momento, purtroppo o per fortuna siamo bloccate a Domodossola, che alla fine risulta comunque essere un luogo adatto all’Apocalisse, anche se forse non paragonabile a quelli che vi ho elencato. La prossima volta che ci capiterà di assistere ad un Apocalisse valuteremo di essere più rapidi e spostarci in uno di questi luoghi idilliaci… ma forse cercheremo di farlo anche senza necessità apocalittiche.

Spero che questo post vi abbia fatto sorridere e sognare per un momento perché oggi come oggi sono i beni più preziosi che abbiamo.

Lisa